ACCEDI AL Corriere Adriatico.it


oppure usa i dati del tuo account

Barcellona-Juve, Allegri:
«Dovremo essere perfetti»

Barcellona-Juve, Allegri: Dovremo essere perfetti

Si scrive Barça-Juve, si legge Messi-Dybala. Il bianconero si dice pronto alla grande notte dei Diez di stasera al Camp Nou: «È difficile arrivare ai suoi livelli, Leo è il numero uno. Ma io voglio crescere come Dybala e non come Messi». E ancora, sempre a spasso tra i giganti: «Allegri dice che il futuro sarà mio e di Neymar? Messi e Cristiano Ronaldo giocheranno ancora un po' di anni, ma io cercherò di avvicinarmi il prima possibile». 

Se qualcuno temeva che la Joya strizzasse l'occhio a quel Barcellona che per lui era pronto a spendere 150 milioni rimarrà deluso. Lo juventino esterna alta fedeltà alla Signora, pur non giurando amore eterno: «Giocare un giorno con Messi? Difficile, abbiamo lo stesso ruolo, ma siamo già insieme in Nazionale. Non so cosa accadrà in futuro, ma alla Juve sto bene e ora ho anche un numero molto importante». E infine, a ribadire il suo senso di appartenenza: «Alla Juve non mi hanno mai parlato di un'eventuale offerta del Barça- aggiunge Dybala -, mi hanno solo chiesto di far parte del loro progetto: finché mi vogliono a Torino, io ci sarò. Devo dare vittorie, piacere e gioia ai tifosi bianconeri».

Se è vero che non c'è due senza tre, la Juve, benché incerottata, proverà a imbavagliare i blaugrana come ai quarti di finale dell'anno scorso: «Il Barcellona è favorito anche senza Neymar- dice Allegri, al 12° confronto personale con i blaugrana -. Non subire gol per la terza volta consecutiva sarà difficilissimo. Ogni stagione è diversa da quella precedete». 

Già, tanto è vero che della Juve di Berlino 2015 questa sera in campo ci saranno solo Buffon e Barzagli: «Noi abbiamo cambiato molto e bene, ma è sorprendente anche vedere tre elementi nuovi nel Barça». Allegri glissa sull'interesse per Iniesta («dico solo che vederlo giocare è un piacere») e minimizza i contorni dell'emergenza che ha colpito la Juve, priva di Chiellini, Howedes, Mandzukic, Marchisio, Khedira, Pjaca, Lichtsteiner e Cuadrado (squalificato). «Nessun problema, abbiamo un'ottima rosa. Ma ci vorranno coraggio, incoscienza, serenità, tecnica ed entusiasmo». Hai detto niente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Sipario sul trofeo Coni Kinder a Senigallia, un trionfo dello sport. La vittoria finale è andata alla Lombardia
Video

Sipario sul trofeo Coni Kinder a Senigallia, un trionfo dello sport. La vittoria finale è andata alla Lombardia

  • Schick alla Roma, Ferrero: sono contento, ci ho messo il cuore per farlo venire in Italia

    Schick alla Roma, Ferrero: sono contento, ci...

  • Barcellona vs Juve, dopo la risata di Totti ecco cosa è successo a Gigi Buffon

    Barcellona vs Juve, dopo la risata di Totti...

  • Per Ronaldo 5 turni di squalifica per le spinte all'arbitro

    Per Ronaldo 5 turni di squalifica per le...

  • Bolt si infortuna nella finale della 4x100

    Bolt si infortuna nella finale della 4x100

  • Roma, Defrel: "Di Francesco molto importante per me"

    Roma, Defrel: "Di Francesco molto...

  • Ancora un allarme antincendio all'alba per i giocatori della Juve, ecco la reazione di Dybala su Instagram

    Ancora un allarme antincendio all'alba...

  • La Roma si allena a Detroit: il gol di Dzeko in allenamento

    La Roma si allena a Detroit: il gol di Dzeko...

Prev
Next

NEWS