ACCEDI AL Corriere Adriatico.it


oppure usa i dati del tuo account

Conte si inchina a Mourinho: il Chelsea
crolla contro lo United e il Tottenham risale a -4

Conte si inchina a Mourinho:
il Chelsea crolla contro
lo United, Tottenham a -4

Cominciamo con una pessima notizia, almeno per noi italiani. Il Chelsea di Antonio Conte ha perso (0-2), anzi ha straperso l'ultima grande partita che separava la gigante astronave colorata di blue dalla beatitudine inglese. In sei paroline: la sfida contro il Manchester Utd. Dev’essere la giornata felice dei rossi, non ci sono dubbi. Così, dopo aver portato in trionfo la Ferrari in Bahrein, la Pasqua del 2017 ha regalato valanghe di emozioni anche ai Red Devils di José Mourinho, che felici e spensierati in appena un’oretta e mezza hanno spalancato di nuovo i portoni della corsa verso la gloria della Premier. Di risolvere la Guerra stellare dell'Old Trafford si sono incaricati in due: quella promessa (mantenuta) di spettacolo che è Marcus Rashford, 19 anni, un futuro pieno di meraviglie come un uovo e una meritata standing ovation da Oscar; e l'ottimo Ander Herrera, che da buon basco se può rifilare una gomitata alle squadre di qualche capitale (a caso) non si tira mai indietro. È vero, il suo tiro è stato deviato da Zouma, ma di questo ci si dimenticherà molto presto.

Insomma, lo avrete intuito, il Chelsea è sprofondato come un piombo e di certo nelle prossime ore il solo affacciarsi dell'idea di dover aggiornare, modificare, emendare e correggere i piani di battaglia primaverili rovinerà le già inquiete notti di Conte. Ma bisogna sapere che oggi lo United ha giocato una gara da ritagliare, depositare in fretta nell'ovatta e appendere subito al muro del museo del club. Fluidità, precisione, tranquillità. Con aria da volpetta, dunque, nel nulla di un pomeriggio Mou si è concesso la soddisfazione di complicare l'esistenza alla sua ex squadra; di rispedire su Marte le critiche delle ultime settimane; e di mescolare emozioni e vite nell'ultimo rettifilo della Premier League.

Rideva sotto i baffi (che non ha), Mourinho, in panchina. Stava infilando in una centrifuga tutto l'universo del campionato di calcio inglese, e all'89' fingeva di preoccuparsi ancora della posizione di Darmian e di Pogba. Che show. E non va dimenticato un piccolissimo dettaglio: il Manchester Utd, oggi, per battere un Chelsea privo del metro e 99 di Courtois, si è abbandonato alla superbia di non impiegare un signore che si chiama Ibrahimovic. No no, avete letto bene, Ibra non ha giocato, almeno fino all'83'.

Hanno riferito i ben informati media locali che la decisione l'avevano decretata lo stesso Zlatan e Mou in perfetta sintonia (e nessuno stenta a crederci...). E, considerando la galassia densa di messaggi in codice di cui Mourinho è padrone e maestro e sovrano assoluto, i motivi potrebbero essere diecimila. Perché ad esempio, risparmiando Ibra per 83 minuti, Mou potrebbe aver impostato la strategia furbetta nota ai più come la tattica del «Vinco comunque». Avesse perso, per capirci, a incidere sarebbe stata soltanto l'assenza di Ibra. Avesse trionfato (come peraltro marginalmente accaduto), avrebbe compiuto un capolavoro michelangiolesco senza tre-quarti dei colori. Nemmeno Napoleone le pensava così...

Per cui alla fine Conte si è ritrovato e inconsapevolmente impigliato in un groviglio di trappole di cui non aveva neppure vagamente percepito l'ombra. Intrappolato come una farfalla in una ragnatela, Antonio adesso comanda la classifica con un vantaggio di quattro punti rispetto al Tottenham, secondo. Al termine del campionato mancano sei giornate; alla fine delle rabbie di Conte, giusto un’eternità, a voler essere ottimisti.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 16 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 17-04-2017 12:12

Di Francesco: "Io alla Roma? Un'occasione unica"
Video

Di Francesco: "Io alla Roma? Un'occasione unica"

  • Roma, il nuovo allenatore Eusebio Di Francesco arriva a Trigoria

    Roma, il nuovo allenatore Eusebio Di...

  • I catamarani volanti dell’America’s Cup

    I catamarani volanti...

  • Superbike da brivido: il pilota Joshua Boyd sviene in moto a 230 km/h

    Superbike da brivido: il pilota Joshua Boyd...

  • Giallorossi contro, la lite tra Manolas e Dzeko al termine di Grecia-Bosnia

    Giallorossi contro, la lite tra Manolas e...

  • World League Italvolley, Blengini: "Dobbiamo lavorare molto"

    World League Italvolley, Blengini:...

  • La festa di San Francesco Totti all'ex dogane

    La festa di San Francesco Totti all'ex...

  • Real vince la Champions con la Juve: Napoli fa festa

    Real vince la Champions con la Juve: Napoli...

Prev
Next

NEWS