ACCEDI AL Corriere Adriatico.it


oppure usa i dati del tuo account

Lazio-Napoli 1-2: non basta Immobile, ritorno vincente per Ancelotti

Lazio-Napoli 1-2: non basta Immobile, ritorno vincente per Ancelotti

Il copione sembra sempre lo stesso: la Lazio gioca, s’illude ma poi si spegne e vincono gli altri. I biancocelesti cadono alla prima per 2-1 contro il Napoli. Lassù, insieme alla Juventus di Cristiano Ronaldo c’è Carletto Ancelotti che torna dopo nove anni e si conferma protagonista. Rimandato Inzaghi che dovrà lavorare parecchio se vorrà confermarsi tra le grandi del campionato. I suoi durano meno di un tempo. Immobile fa stropicciare gli occhi a tutti con un gol da copertina ma poi gli errori e i personalismi rovinano quanto di buono fatto in quel momento. Milik e Insigne rimontano e regalano tre punti al Napoli che resta tabù. Un balsamo pure per la contestazione dei tifosi azzurri arrabbiati con il patron De Laurentiis per un mercato sottotono. Masticano amaro i laziali che avevano assaporato tutt’altra partita. I biancocelsti iniziano a mille mettendo sotto Insigne e compagni chiudendo ogni spazio e creando tante palle gol. Ciro, core ingrato, timbra per la terza volta consecutiva il cartellino per primo. Serve a poco. Dietro i soliti orrori non lasciano scampo ad altro risultato.
 


SOLITI ERRORI
E pensare che Inzaghi in Germani aveva lavorato solo sui tagli “assassini” di Callejon. Niente da fare lo spagnolo s’infila ovunque e propizia la rete di Milik attaccante centrale nel 4-3-3 di Ancelotti. Badelj regge ma fisicamente è indietro. Acerbi alza i muro ma non regge novanta minuti. Milinkovic, il più atteso di tutti, finisce per essere la delusione. Leziosismi e il solito braccino ammazzano anche Luis Alberto che non è mai pericoloso. L’effetto è che la Lazio sparisce quasi dal campo e il Napoli prende piede diventando l’unico protagonista del campo. Vittoria meritata. Balza agli occhi anche la precaria condizione fisica dei biancocelesti poco brillanti e molto sulle gambe. E poi c’è il solito neo del carattere: quando bisogna lottare nessuno morde per far male. Sconfitta che dovrà servire da insegnamento, tra una settimana a Torino c’è la Juventus. Il Napoli si gode il primato e con più tranquillità punta il Milan, prossimo avversario. 
 
 

LEGGI LA CRONACA
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



MacauGP, l'incidente di Sophia Floersch
Video

MacauGP, l'incidente di Sophia Floersch

  • Michael Schumacher, parla la moglie Corinna: «Combatte, non mollerà»

    Michael Schumacher, parla la moglie Corinna:...

  • Doping, Magnini: “Evidente ingiustizia”

    Doping, Magnini: “Evidente...

  • Psg, le lacrime di Verratti dopo l'arresto: «Giorni difficili, chiedo scusa a tutti»

    Psg, le lacrime di Verratti dopo...

  • MotoGp, Marquez ancora campione del mondo

    MotoGp, Marquez ancora campione del mondo

  • Arbitro scoppia in lacrime alla fine della partita

    Arbitro scoppia in lacrime alla fine della...

  • Due gol di Cristiano Ronaldo junior: papà CR7 festeggia sui social

    Due gol di Cristiano Ronaldo junior:...

  • Berlusconi: "Monza sarà squadra giovane e tutta di italiani"

    Berlusconi: "Monza sarà squadra...

Prev
Next

NEWS